Il referendum

31 maggio 2021. Consegnate 5010 firme 

I promotori del referendum contro l’accordo con i privati per la realizzazione del progetto PSE di Cornaredo hanno consegnato le 5000 firme raccolte. Per ottenere la votazione popolare contro il progetto votato dal Consiglio Comunale era necessario raccogliere le firme del 20% dei cittadini elettori del Comune di Lugano (cioè ca 3000 firme) entro il termine di due mesi. Un’impresa ardua che avrebbe potuto spaventare chiunque. Ma la determinazione dei promotori, in prima linea l’MPS sostenuto dai CT-L, da ATA e da STAN, e la diffusa propensione dei cittadini luganesi a voler votare su un tema di enorme impatto economico, urbanistico e sociale. hanno favorito il successo della raccolta firme.

CdT  1.6.2021 Consegnate oltre 5000 firme
RT 1.6.2021 Consegnate oltre 5000 firme

Scheda dei referendisti

Promotore: MPS, Movimento per il socialismo

Sostegno:
ATA-SI, Associazione Traffico e ambiente della Svizzera italiana
STAN, Società Ticinese per l’Arte e la Natura, sezione di Heimatschutz Svizzera
CTL, Cittadini per il territorio del Luganese.

Comitato referendario: Gruppo di cittadini di varie tendenze che organizzano le azioni in vista della votazione.
Firmatari: (tra i molti)
Gianfranco Agazzi, Danilo Baratti, Gerri Beretta Piccoli, Paolo Bernasconi, Rocco Bianchi comitato FC Rapid, Giovanni Bolzani, Bruno Brughera, Brenno Brunoni, Rosa Cappa, Giampiero Casagrande, Adriano Cavadini, Elio Colombi, Carla Colombi-Tallone, Mattia Crivelli, Milena Delorenzi, Barbara Di Marco, Piercarlo Felicani, Pier Mattia Ferrari, Cristina Ferrari-Zschokke, Cristina Kopreinig Guzzi comitato STAN, Melitta Jalkanen consigliera comunale, Marco Jermini, Alberto Leggeri, Daniela
Leggeri, Chiara Lepori Abächerli vicepresidente ATA-SI, Fernando Lepori, Micaela Luvini, Maria Clara Magni comitato CTL, Giorgio Mainini, Loredana Manfrina-Lepori, Paolo Marelli, Pietro Martinelli, Franco Masoni, Giovanni Medolago, Deborah Meili consigliera comunale, Edy Meli, Marisa Mengotti consigliera comunale, Paolo Merlo, Tamara Merlo consigliera comunale, Martina Müller Rafanellli comitato ATA-SI, Fulvio Pelli consigliere comunale, Cristina Poretti-Bonetti, Franco Poretti, Martino Rossi, Giancarlo Reggi, Monica Reggi, Isabelle Ruf consigliera comunale, Matthias Schmitt, Nicola Schönenberger consigliere comunale, Fabio Soldini, Gabriella Soldini, Lorenza Sommaruga presidente Club del Centro, Guido Tognola, Silvano Toppi, Ferruccio Unternährer consigliere comunale, Giovanni Zamboni, Valeria Zamboni, Giordano Zeli.

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo

Le ragioni del Referendum

 

Il Motto:
SÌ A UN VERO POLO SPORTIVO, NO A UN QUARTIERE SPECULATIVO!

Vogliamo gli impianti sportivi
Il progetto del Municipio e del Consiglio comunale non è il Polo sportivo che vogliamo.
Vogliamo a Cornaredo: lo stadio da Super League per il FCL, il suo campo d’allenamento, quelli per le
squadre giovanili, la pista di atletica e il Palazzetto dello sport.

Non vogliamo contenuti estranei allo sport
Il progetto premiato nel 2012 è stato stravolto per far posto a contenuti amministrativi e residenziali
estranei allo sport. Si è concepito allora un secondo Centro sportivo fuori Lugano (al Maglio di Canobbio) per ospitare le squadre giovanili espulse da Cornaredo. Costo: 45 Mio per progettazione e investimento, 6 per interessi, totale 51 Mio fr.

Spese sproporzionate
A Cornaredo si investiranno 405 Mio fr., di cui “solo” 183 per lo sport (45%) e 222 (55%)
per autosili, immobili amministrativi e commerciali, palazzine residenziali.

Progetto non sostenibile
Cornaredo sarà tagliato in due da una nuova strada a 4 corsie (via Stadio), il campo di calcio
per la Super League sarà in sintetico, parte del verde di contorno sarà sul tetto degli autosili. Progetto sostenibile?

Legati mani e piedi ai promotori immobiliari.
La Città si è legata mani e piedi a promotori immobiliari e fondi di investimento d’OltreGottardo. Chiedono interessi sul capitale più che doppi di quelli che la Città paga per i suoi prestiti bancari. Per lo stadio e il Palazzetto dello sport vuol dire 33 Mio in più in 27 anni. Pretendono di disporre per 90 anni (diritto di superficie) di terreni pubblici a Cornaredo per costruirvi immobili amministrativi, commerciali e residenziali. Pretendono poi che la Città affitti una torre per l’Amministrazione e un vasto “blocco dei servizi” per la Polizia (la Cassa pensioni di Lugano perderebbe gli 843’000 fr. di affitto che riceve oggi per la sede della Polizia).

Lo stadio più costoso della Svizzera.
Con questo progetto, Lugano avrebbe lo stadio più costoso della Svizzera: 100 milioni d’in-
vestimento per 10’000 posti, 10’000 fr. a posto. La stessa azienda (HRS) costruisce ora lo stadio a Zurigo con un costo quasi dimezzato (5’844 fr. a posto) e costruirà lo stadio di Aarau a 6’000 fr a posto. Sembra dunque possibile costruire uno stadio moderno ed efficiente con una spesa più ragionevole.

Spietata concorrenza al Centro cittadino.
Di un nuovo “quartiere artificiale” Lugano non ha proprio bisogno quando il suo Centro
rischia la decadenza (negozi e servizi che chiudono), i suoi quartieri di Molino Nuovo, Viganello e Pregassona devono essere riqualificati, la popolazione diminuisce, molti progetti sono incompiuti (Lungolago, Campo Marzio, Parco Viarno, Stazione…).

Costi enormi a carico dei cittadini.
Il megalomane “Polo sportivo e degli eventi” a due teste (Cornaredo e Maglio) costerà alla Città ben 17.2 Mio fr. all’anno per i primi 20 anni dopo i lavori, 344 Mio in due decenni! Si tratta dei maggiori costi per ammortamenti, interessi, rate di leasing, locazione, manutenzione e gestione, dedotti gli introiti per diritti di superficie, sussidi cantonali, affitti.

Una spesa scriteriata.
È una spesa scriteriata (5 punti di moltiplicatore) in periodo di post-pandemia, con gettiti fiscali in calo e spese sociali in crescita.

Ridimensioniamo il progetto.
Il referendum respinge questo progetto sbagliato, in un momento e con partner sbagliati.
Chiede di ritornare al progetto del 2012 o analogo: un vero polo sportivo a Cornaredo, non un quartiere amministrativo e residenziale speculativo!