Il nodo di Cavezzolo deve essere rivisto

Impatto eccessivo e disastroso delle infrastrutture predisposte dai progetti Tram-treno e circonvallazione stradale. L'anacronistico assetto è l'ultima conseguenza dei sogni espansionistici dell'aeroporto di Lugano.

Le tre principali ragioni per correggerlo

  1. Per favorire lo sviluppo urbanistico del comparto, cuore del futuro Polo del Vedeggio
  2. Per migliorare l’esercizio del Tram-treno e conservare la linea FLP di collina
  3. Per evitare il viadotto trasversale che incide negativamente sul territorio.

1. Sciogliere il conflitto tra sviluppo territoriale auspicato e progetti infrastrutturali predisposti

L’obiettivo principale del progetto Tram-treno è di favorire lo sviluppo sostenibile degli insediamenti attorno al suo tracciato, come prescrivono le direttive della Confederazione (che per questa ragione finanzia integralmente il TT) e il Piano direttore cantonale (PD).

Il Piano di indirizzo regionale, chiamato NPV, vincolato nel PD, prescrive che nel comparto di Cavezzolo venga insediato il Quartiere centrale del Nuovo polo del Vedeggio, vale a dire della nuova Città del Pian Vedeggio, la quarta città del Cantone per importanza.

I progetti delle infrastrutture ferroviarie e stradali, purtroppo,  invece di favorire gli insediamenti nel cruciale comparto, li ostacola.

La nuova città del Pian Vedeggio. Modello spaziale

2. Migliorare le condizioni di esercizio del Tram-treno e salvare la FLP di collina

Il progetto Tram-treno prevede una stazione a triangolo che ha vari difetti:

  • occupa molto spazio in una posizione centrale, ambita per gli insediamenti
  • non è comoda per gli interscambi (necessità di cambio marciapiede con passaggio a livello di 4 binari)
  • limita la lunghezza dei convogli a 50 m (nessun accoppiamento possibile)
  • impedisce la conservazione della linea FLP di collina
Fermata Cavezzolo , progetto Tram-treno 2020

La soluzione che lascia la fermata  del TT a Molinazzo risolve i conflitti e cancella i difetti riscontrati.

Non così ... Fermata Cavezzolo: Proposta Tram-treno 2020
... oppure così, interrando il tratto ferroviario
...ma così! Fermata Molinazzo. Proposta ATA
Se ci fosse interesse, nell’ambito dello sviluppo urbanistico del comparto, si potrebbe pensare di interrare il tratto di linea per Manno, eliminando così ogni cesura territoriale.
La soluzione è tecnicamente logica poiché gli estremi del tratto sono già dei sottopassi, sotto il riale Sottomurate a sud e sotto la Via Crespera a nord.

3. Evitare di costruire il lungo, massiccio e sghembo viadotto che deturpa inutilmente il Pian Vedeggio

Il lungo e vistoso e sghembo viadotto (L=715 m, H=12 m) del costo di 35 mio fr incide molto fortemente nel paesaggio del Piano del Vedeggio. Esso invade, senza motivo, un’area paesaggisticamente protetta .

Il pilone del viadotto ferroviario a Cavezzolo

L’opera viola la disposizione del PD cantonale che qualifica il comparto attraversato dal viadotto come «linea di forza del paesaggio», cioè come uno spazio da tenere libero. (PD scheda P1, linee di forza)

Cavezzolo estratto PD scheda P1

Infine, il viadotto del tram-treno entrerebbe in conflitto con le soluzioni di circonvallazione di Agno e Bioggio che prevedono di usare l’autostrada A2 o di costruire un tratto di Omega (vedi). Il conflitto è un conflitto di quote ed è irrisolvibile.