Rete Tram-treno. Avanti a testa bassa

Il CdS comunica di aver scelto il gruppo dei progettisti che saranno incaricati di elaborare il progetto esecutivo della grande opera ferroviaria del costo di 400 mio CHF.
Tra le quattro offerte è stata scelta quella del consorzio multidisciplinare Collega-TI, guidato dallo studio d’ingegneria Lombardi SA Ingegneri Consulenti di Giubiasco.

La procedura di approvazione dei piani non è ancora conclusa e il DT dà per scontato che le opposizioni delle associazioni ATA, STAN e CTL saranno respinte. È un gioco d’azzardo che potrebbe costare quasi 20 mio CHF (costo della progettazione) se il DATEC o i tribunali cassassero il progetto.

Facciamo notare che adesso ci sono i crediti e i progettisti in grado di redigere lo studio di Cavezzolo chiesto da anni dalle Associazioni; studio che potrebbe risolvere i conflitti territoriali e evitare il conflitto davanti ai tribunali.

Comunicato del CdS del 6 aprile 2022

Rete tram-treno del Luganese: scelto il gruppo dei progettisti

Nella sua seduta del 6 aprile 2022 il Consiglio di Stato ha deliberato la progettazione esecutiva della tappa prioritaria della nuova Rete tram-treno del Luganese al Gruppo mandatario Collega-TI, guidato dalla Lombardi SA Ingegneri Consulenti di Giubiasco.

Al concorso internazionale, pubblicato lo scorso mese di settembre, hanno partecipato quattro gruppi di progettisti specializzati provenienti dal Ticino, dalla Svizzera interna e dall’Italia. Entro il termine previsto del mese di marzo, e a conclusione di un’impegnativa procedura di scelta, il gruppo di valutazione incaricato dal Dipartimento del territorio ha preavvisato la delibera del mandato di progettazione multidisciplinare al consorzio Collega-TI, guidato dallo studio d’ingegneria Lombardi SA Ingegneri Consulenti di Giubiasco. Si tratta di un risultato di grande prestigio per l’ingegneria ticinese, che conferma il suo valore nel contesto di una gara caratterizzata dall’alta qualità delle offerte presentate.

La progettazione dell’opera prioritaria della mobilità luganese seguirà ora il suo corso, che prevede l’avvio del progetto esecutivo entro la prossima estate. Inoltre, entro la fine di quest’anno, l’Ufficio federale dei trasporti dovrebbe emanare la decisione di approvazione dei piani, rilasciando l’autorizzazione per la costruzione della Rete tram-treno.