Lugano fa saltare il possibile compromesso

I tre comuni della Collina (Sorengo, Muzzano e Collina d’oro) e il comune di Bioggio dopo aperti colloqui con ATA, CTL e Stan avevano assicurato la loro disponibilità a svolgere uno studio tecnico-pianificatorio per esplorare la fattibilità e l’utilità di un assetto a Cavezzolo che migliorasse l’uso territoriale del comparto e tenesse aperta la possibilità di conservare in esercizio la linea di collina. Avevano ritenuto di non poter operare senza il consenso del Comune di Lugano, proprietario dell’aeroporto le cui pretese di ampliare l’atterraggio da nord avevano condizionato il progetto Tram-treno. Ma il Municipio di Lugano ha risposto negativamente, negando il consenso ad approfondire il progetto. Una decisione che prolunga la controversia e la realizzazione dell’opera, perché in caso di accordo tra le parti gli opponenti avevano dichiarato di essere disposti a ritirare l’opposizione.

Siamo convinti che si arriverà comunque a ristudiare il progetto nel senso chiesto dalle associazioni, perché non c’è ragionevolezza nell’insistere su una soluzione svantaggiosa come quella proposta dal Tram-treno e difesa dal Municipio di Lugano. Ma si saranno persi inutilmente altri lunghi anni.