Commento del 2016, recuperato

(Redazione aprile 2016)

A Lugano e a Mendrisio
Nuove procedure, soluzioni diverse

Di fronte a un territorio ingrandito a seguito delle aggregazioni, i due comuni scelgono strade diverse per elaborare il PR comunale unitario.

  • Lugano    : MasterPlan
  • Mendrisio: Piano Direttore Comunale

Entrambi i Municipi hanno riconosciuto che, nel loro caso (cioè di fronte alla necessità di integrare in un unico PR comunare numerosi PR locali), la procedura ordinaria non è adatta, perché troppo lunga e complicata.

.

Lugano: MasterPlan

Lugano per elaborare il PR unitario ha licenziato il MM 9317 (vedi) il quale prevede:

  • Allestimento del MasterPlan per tutto il territorio comunale
  • Informazione e partecipazione della popolazione.
  • Esame preliminare del Dipartimento cantonale del territorio

Il MM 9317 invece non prevede:

  • l’adozione del MasterPlan da parte del Consiglio comunale.

Questa è una grave carenza.
Secondo noi essa andrebbe prontamente corretta per le seguenti ragioni:

  • Ovunque in Svizzera i Piani di indirizzo comunali (Richtplan) sono decisi dai legislativi;
  • È logico e più che ragionevole che il Consiglio Comunale, organo cui compete infine l’approvazione del PR comunale, si assuma anche la responsabilità di stabilirne gli indirizzi;
  • Senza l’approvazione del Consiglio comunale (CC) il MasterPlan resta uno studio qualsiasi, non consolidato e non condiviso dal CC e dalla popolazione;
  • L’elaborazione del successivo PR comunale (eventualmente realizzato per comparti) non può poggiare su di un indirizzo sufficientemente solido. Le basi del futuro PR saranno dunque fragili e il PR alla fine sarà contestabile su tutta la linea.

.

Mendrisio: Piano Direttore comunale (PDc)

Secondo il MM 102/2016 (vedi) il Piano Direttore comunale (PDc) sarà:

  • strutturato in due livelli:
    1) Obiettivi e concetti;
    2) Schede operative
  • approvato dal Consiglio comunale
  • ma non messo in consultazione tra la popolazione !

Leggi i rapporti: 1) di maggioranza e 2) di minoranza
Nota 1. Siccome il PDc è un atto con incidenza territoriale, la partecipazione della popolazione alla sua elaborazione è prescritta dalla Legge federale LPT. L’inosservanza di tale prescrizione può dunque invalidare la procedura.
Nota 2. Il PDc si basa su di un apposito articolo del Regolamento Comunale RC, introdotto con una mozione per suddividere l’elaborazione del PR in due fasi. (Leggi art. 126 RC)

Confronti

Conclusioni

La scelta di Lugano, se integrata con l’approvazione del Consiglio Comunale, è chiaramente la procedura migliore e più efficiente.
Il MasterPlan di Lugano (o detto in italiano, il Piano di indirizzo) è uno strumento concreto, mirato all’elaborazione dei successivi PR.
Il MasterPlan fornisce i necessari indirizzi operativi e permette di affrontare per comprensori distinti, l’elaborazione dei PR veri e propri, in quanto è uno specifico strumemento di coordinazione e di armonizzazione delle singole parti.
Le funzioni di indirizzo e di coordinamento potranno essere solide, durature e condivise, solo se il MasterPlan sarà adottato dal Consiglio Comunale. Il passo può essere attuato con l’inserimento di un semplice articolo nel Regolamento comunale, come è stato fatto a Mendrisio.
Sottolineiamo infine l’importanza dell’informazione, della trasparenza e della partecipazione della popolazione. I documenti elaborati nel corso dell’allestimento del MasterPlan dovrebbero essere resi tempestivamente accessibili al pubblico e la procedura di consultazione dovrebbe aprire un dialogo con le parti interessate.